fbpx

Gravel sul Serio, l’anello mancante!

Gravel sul Serio, l’anello mancante!

Finalmente qualcuno ha avuto la brillante idea di organizzare un ritrovo dedicato a tutti gli amanti di sterrato, strade bianche, strade secondarie e panorami che solo in bici si possono ammirare.

Sto parlando di quel gruppo di ragazzi di Romano di Lombardia che hanno ideato, creato e concretizzato  “Gravel sul Serio“.

Un’intera giornata dedicata alla bicicletta, alla scoperta del territorio che ha portato a Romano di Lombardia molti appassionati di Gravel Bike, Mtb e Ciclo Turisti.

Ognuno con il proprio passo e proprio ritmo per concludere uno dei due percorsi proposti (110 kme e 70km) , senza l’ansia di classifiche, tempi e competizione (anche se ho visto gente “scannare” come in quelle tipiche gare di MTB).

Era prevedibile che qualche volenteroso con la passione della bicicletta organizzasse prima o poi un’escursione alla scoperta del fiume Serio, quel fiume Serio che tanto mi è caro per gli allenamenti di corsa, le scampagnate in bici e i ricordi legati all’adolescenza quando si andava in gruppo ad esplorare e conoscere quel territorio “vietato” dai grandi perché ritenuto pericoloso (forse perché una volta su quelle strade bianche a bordo fiume passavano pure camion delle cave?).

gravel-sul-serio

“Pedalando all’alba per raggiungere Romano di Lombardia”

Quasi per caso mi imbatto in un post su Facebook che informa del fatto che la prima edizione di “Gravel sul Serio” si stava per avvicinare. Agenda alla mano, la domenica del raduno è libera da impegni e in pochi istanti iscrizione effettuata quasi in tempo per rientrare in quei fortunati 500 che hanno percorso i due tracciati permettendo a molti di vedere da vicino il nostro fiume e scopri entrambe le sponde.

Per me è stata l’ennesima occasione si salire in sella alla mia bici e in un sol colpo percorre 110 km di strade che  han dato vita ad un itinerario da percorre in ogni momento dell’anno e che offre l’opportunità di vedere un lungo tratto di fiume (da Seriate a Crema su entrambe le sponde).

La Gravel sul Serio è stato quindi l’anello mancante che mi ha permesso di chiudere quella catena virtuale fatta di tracce, percorsi ed esplorazione che in ogni uscita lungo il fiume generava in me meraviglia, sconforto (per le condizioni di degrado che si incontrano in alcuni tratti) e curiosità nel vedere posti nuovi.

Un bellissimo itinerario ad anello che ho provato a descrivervi nel dettaglio nella sezione dedicata alle escursioni in bici dove oltretutto potete trovare anche due itinerari che per alcuni tratti ripercorrono appunto il Fiume Serio.

“Ingresso a Crema, il contatto con la civiltà”

Ancora una volta vorrei fare i complimenti a chi ha avuto il coraggio di mettersi in gioco e mettere in moto tutta la macchina organizzativa, ricordando come spesso questi ritrovi/raduni gravel sono totalmente gratuiti.

Se sei curioso di scoprire più da vicino il mondo delle Gravel Bike ti invito a visitare a prendere parte a questo gruppo facebook dove spesso vengono publicati eventi e raduni oltre a trovare una community attiva e pronta a dare consigli a tutti coloro che vogliono avvicinarsi a questo modo di viaggiare.

  • /