Da Ridanna al Einachtspitze

Val Ridanna – Bolzano

A due passi da Vipiteno.

Se la neve non arriva sulle Orobie allora ecco che il Cai Valcalepio si mobilita per organizzare l’ennesima uscita memorabile sulle neve del Sud Tirolo, quindi pronto per un’altra sveglia all’alba per dar vita ad una giornata di “Polvere & Fatica” sui pendii della Val Ridanna.

Arrivati a Vipiteno dopo qualche ora di auto ci si immette subito nella corta (solo 18 km) Val Ridanna famosa per le sue miniere e per il grande castello di Wolfsthurn  che potete ammirare nei pressi dell’abitato di Mareta.

L’escursione ha inizio in località Canopi, sulla strada principale della valle in località Maso Gasse svoltare a sinistra, superare gli impianti di risalita che troverete alla vostra destra (attenzione parcheggio riservato alle Scuole di Sci) e proseguire fino ad arrivare al parcheggio dell’unico hotel della zona.

Pronti partenza via, si parte. Da quota 1400 mslm circa procedere nei prati adiacenti alla pista da sci fino ad arrivare nel bosco che vi si presenta di fronte. Arrivare all’edificio di servizio mantenere la destra del torrente Ento e procedere all’interno del bosco seguendo il sentiero estivo 25 fino ad incontrare la strada forestale indicativamente a quota 1575 mslm.

Continuare sulla strada forestale per circa 600 metri dove potete optare per un itinerario più dolce che aggira il colle (lo consiglio per il suo ambiente fiabesco) per poi incrociare nuovamente la strada a quota 1750 msls.

Potete procedere seguendo la strada oppure come abbiamo fatto noi affrontare il pendio di petto per effettuare qualche dietrofront e arrivare a quota 1800 metri dove sbucherete su una nuova strada forestale che in meno di 250 metri si congiungerà con il sentiero incrociato all’uscita dal bosco.

dietrofront-splitboard

“la variante descritta poco sopra dove con qualche dietrofront si raggiunge quota 1800 mslm”

Proseguire lasciandosi sulla sinistra un fienile e delle malghe per poi aggirare un colle e tornare lungo la diagonale che ci porta in lieve pendenza fino a circa 2000 slms, qui lasciare sulla vostra sinistra un gruppo di baite (Scheneideralm), armati di pazienza (se siete con la splitboard) e carichi di energia affrontare un canalino con pendenze variabili dal 28% al 40% fino a sbucare alla sua uscita.

Qui procedere a sinistra per qualche centinaio di metri, risalire un breve ampio dorso roccioso (attenzione in caso di neve ventata o lastre di ghiaccio, il tratto è esposto a Sud.) alzare gli occhi e puntare all’ultimo muro di circa 150 metri di dislivello che vi conduce alla vetta.

splitboard-valridanna
“Tavola ai piedi e pronto a scendere fino al parcheggio!”

Se le condizioni di neve sono favorevoli potete tornare lungo la cresta, dovrete togliere la tavola per aggirare uno sperone di roccia e a quel punto vi troverete all’imbocco di un canalino che in pochi metri si apre su un magnifico versante che vi condurrà fino all’incrocio con la traccia di salita.

Tenere il torrente Ento alla vostra sinistra, abbassarvi di quota fino a 1850 metri circa dove troverete una piccola baita che si congiunge con una nuova strada forestale. Percorretela tutta in modalità border-cross fino ad incontrare il sentiero 25-B che si butta nel bosco.

Se siete fortunati proverete l’ebrezza di sciare anche gli ultimi metri di dislivello… se siete sfortunati vi dovrete togliere tavola o sci e con particolare attenzione non scivolare arrivare alla fine del bosco in località Entholz dove potrete godervi gli ultimi momenti di discesa fino al parcheggio!

  • /

Strava: link diretto attività di Michele compagno d’itinerario
Itinerario svolto in data:
12 Gennaio 2019
Partenza Itinerario:
 Ridanna località Ento
Località/Valle: Val Ridanna
Catena Montuosa:
Cartina: Kompass 059
Quota di partenza:  1425 mslm
Dislivello: 920 mt circa
Punti d’appoggio: nessun rifugio lungo la via
Dove pranzare:  Bivark, Via Brennero, 39, 39049 Vipiteno – BZ