fbpx

Monte Misma Xmas Trail, buona la prima!

Monte Misma Xmas Trail, buona la prima!

Bergamo e la tradizione del Trail Running hanno dalla loro parte dei fattori molto favorevoli che se messi insieme possono dare vita ad una ricetta vincente in termine di partecipazione e soddisfazione per gli organizzatori e addetti ai lavori.

Un territorio unico che, con le sue montagne permette di dar vita a manifestazioni che richiamano atleti da tutto il mondo ma soprattutto decine e decine di società sparse sull’intera provincia che durante tutto l’anno lavorano per dar vita a gare e manifestazioni che tengono vivo il vero Spirito del Trail Running.

Con grande piacere (e soddisfazione visto che ho tagliato il traguardo sorridendo e non con i crampi) ho avuto occasione di poter partecipare alla prima edizione del Monte Misma Xmas Trail organizzato dalla società Villese Running.

Non era una gara che avevo programmato anche perché dopo la “batosta morale” presa in Toscana durante la Tuscany Crossing l’intero anno si è concentrato su altre attività all’aria aperta senza dedicare al massimo l’attenzione alla corsa su e giù per i sentieri.

La voglia di mettermi in gioco in questa prima edizione ha bussato alle porte quando durante una delle tante riunioni del lunedì sera con gli amici dei Podisti Due Castelli si vociferava di un pettorale libero per via della disdetta di un “compagno di merende”.

Così come se fossi su di un “calci in culo” ho alzato la mano per prendere il “codino” e non perdermi la possibilità di poter dire un giorno “io c’ero alla prima edizione!”

xmas-trail-misma

Consapevole di una preparazione più attenta alla masticazione e al sorseggio di caraffe di birra ho voluto comunque presentarmi sulla linea di partenza con il resto del gruppo P2C che ancora una volta hanno dimostrato di essere super affiatati ed uniti come non mai.

Seppure i sentieri del Monte Misma penso di conoscerli abbastanza bene questa gara aveva per me l’obiettivo di scoprire quella parte un po’ inesplorata del Monte Misma portandomi quindi a percorrere nuovi sentieri sopratutto nel tratto che dall’abitato di Pradalunga sale fino in località la Forcella dove era presente il secondo ristoro.

Ovviamente il mio post non vuole narrare delle mie sofferenze e del mio risultato, per quello basta vedere alcune foto e consultare la classifica ufficiale, ma vuole dare il giusto riconoscimento a chi ha deciso di lanciarsi in questa sfida organizzativa.

Come detto poco sopra durante tutto l’anno ci sono decine e decine di gare sul nostro territorio e la scelta di parteciparvi o no può essere dettata da molteplici fattori. Di certo il passa parola e la soddisfazione di chi ha corso possono essere un valido motivo per prendere parte all’edizione del 2020.

Ecco come ho visto e vissuto la giornata del Monte Misma Xmas Trail 2019

Organizzazione, partecipare alle gare permette di organizzare gare ricche di partecipazione.

Può sembrare scontato ma in certi campi non lo è, soprattutto quando qualcosa va di “moda” e qualcuno non del settore vuole improvvisarsi organizzatore di gare ed eventi.

Premetto che non conosco nessun runner della Villese ma fortunatamente so riconoscere le loro divise che vedo sempre molte numero alle poche gare a cui partecipo. Molte come le persone viste sul percorso, ma di questo ne parlo dopo, quello che mi fa piacere è che siano  runners a dar vita ad eventi per runners perché chi meglio di un runner può conoscere le esigenze di un runner nel pre-durante-dopo gara?

Iscrizione al Monte Misma Xmas Trail 2019

Non posso esprime un giudizio ma devo solo ringraziare Roberta Feliciani (seconda donna assoluta) che come ogni volta si mobilita per le iscrizioni di gruppo dei Podisti 2 Castelli, dal sito ufficiale dell’evento la possibilità di iscriversi online attraverso la piattaforma PicoSport orami famosa in bergamasca e non solo. Oltretutto due fasce di prezzo strategia ormai collaudata in moltissime gare.

Pre Gara, ritiro pettorali, deposito borse e caffe al bar

Offrire la possibilità di effettuare il ritiro pettorali già dal giorno precedente alla gara è un servizio in più che gli organizzatori offrono. Richiede tempo aggiuntivo, staff volenteroso e organizzazione anticipata di 24 ore su quelle pratiche che magari si potevano svolgere la mattina stessa visto il numero chiuso di 300 iscritti. Un applauso a chi ha deciso di offrire questa chance.

Un secondo applauso anche a chi ha pensato al pacco gara, un utile copricapo che all’occorrenza può diventare copricollo per le attività outdoor invernali, verrà utile per le prossime escursioni in splitboard sulle Orobie.

Location di ritrovo a mio avviso ottimale, il centro sportivo comunale di Villa di Serio facilmente raggiungibile sia da Bergamo che dalla Val Seriana ha offerto una serie di servizi all-inclusive tra cui:

  • parcheggiatore con giubbino ad alta visibilità;
  • ampio parcheggio all’interno del campo di calcio più ulteriori parcheggi nelle vie laterali;
  • servizi docce e lava scarpe;
  • servizio custodia borse che manco alla GTO;
  • bar del centro sportivo aperto dalle prime ore del mattino, business is business;

Partenza, riscaldamento obbligato.

Quante volte ha preso parte ad una gara e per ritardo o per svogliatezza non hai fatto il giusto riscaldamento pre-gara?

Bene al Monte Misma Xmas Trail sei obbligato a scaldarti. La partenza situata poco meno di un chilometro dal centro del paese ha permesso anche ai più lazzaroni di corricchiare fino in centro paese dando vita ad un serpentone colorato di 300 atleti.

Mi è piaciuta questa cosa, oltre ad aver visto il centro storico del paese mi sono pure scaldato, cosa che solitamente non faccio perché si sa “c’è tempo di scaldarsi la gara è lunga” cit.

Percorso, le vie del Monte Misma sono infinite, importante non perdersi!

24 Chilometri con 1400 metri di dislivello non sono di certo da prendere sotto gamba anche perché il Monte Misma può apparire da lontano come un grande panettone ma vi ricordo che Villa di Serio si trova a 280 metri sul livello del mare mentre la croce del monte è a quota 1160 e con qualche sale e scendi si fa in fretta ad andare in crisi.

Moltissimi i volontari e le persone presenti a tutti gli incroci e attraversamenti pedonali lungo le strade percorse, quasi impossibile sbagliare visto il numero di indicazioni e nastri segnaletici posizionati ad ogni 50 passi.

5 ristori sempre ben forniti di acqua, the caldo, coca cola, frutta secca, cioccolato e personale sempre pro-positivo e disponibile.

monte-misma-trail

“Passaggio in vetta, Grazie Fò di Pe e Pantere Rosa per il tifo!”

Grazie al fango che ha reso questa gara divertente e non un calvario, la sua presenza in alcuni tratti ha trasformato le salite rendendole più impegnative e ha reso le discese più tecniche per via dell’alta scivolosità.

Troppo facile correre sempre con le condizioni del terreno ottimali. La fortuna di un meteo favorevole durante tutta la settimana ha ridotto l’accumulo di fango evitando all’organizzazione ulteriori pensieri e preoccupazioni.

Arrivo, classifiche e polenta party!

Dopo circa 3 ore e 45 minuti di sofferenza arrivo a termine della mia prestazione in compagnia di Angelo che non ha mollato ed è riuscito ad utilizzare le ultime forze per un sorriso e alzare il braccio insieme a me! Brao, mai molà!

La voce dello speaker che si poteva già sentire a pochi chilometri dall’arrivo dopo aver aggirato l’ultimo colle indicava a tutti i runners che non conoscevano il percorso dell’imminente arrivo a Villa di Serio, la conferma ufficiale arriva solo quando la tanto attesa medaglia di cioccolato (bell’idea visto il periodo natalizio) ti veniva posta al collo da un gruppo di scatenati bambini presenti poco dopo l’arco gonfiabile.

Arrivare poco dopo metà classifica può causare ulteriori torture e sofferenze se le docce sono fredde e gli spogliatoi sono ridotti a campi di battaglia pieni di fango.

Non è stato il caso di questa competizione, docce calde e spazio un po’ per tutti, quando per una volta il calcio porta strutture utili anche ad altre discipline!

Dopo una bella doccia arriva il momento di dar vita al terzo tempo, fatto di birrette e polenta party.

spirito-trail

Qui lo spirito trail entra nella fase che mi piace di più. Atleti e meno atleti seduti a degustare birra (con la scusa che è un ottimo integratore ora la metteranno non solo ai ristori ma anche al ritiro pettorale) e a pranzare con piatto unico composto da polenta con sugo di ragù contornato da affettati e formaggio.

Le discussioni al tavolo spaziano dalla propria prestazione, ai commenti sui tempi dei vincitori e sul fatto che domani è lunedì e per alcuni si prospetterà una giornata di mobilità limitata per via dei dolori post gara.

Servizio Scopa con Oliviero Bosatelli e premi speciali realizzati da Marco Zanchi

Un applauso a tutto il gruppo del servizio scopa che ho avuto modo di veder solo alla partenza e all’arrivo; fortunatamente riesco ancora a tenermeli ben lontani.

Bello vedere come gli organizzatori siano riusciti a coinvolgere due volti noti delle corse in montagna giocando a mio avviso anche una lodevole azione “marketing” per dare autorevolezza e fiducia alla prima edizione del Monte Misma Xmas Trail.

Ovviamente tanto di cappello a Marzo Zanchi  e Oliviero Bosatelli che hanno avuto il primo il tempo di realizzare due zainetti personalizzati e il secondo per aver preso parte al servizio scopa dell’evento con tutto il gruppo vestito in tema natalizio.

Queste erano tutte le mie considerazioni positive ora arrivano quelle che possono essere le mie considerazioni migliorative, non negative!

Trail e rispetto per l’ambiente.

Quello che sto per scrivere vuole essere un consiglio per tutti coloro che organizzano eventi, ci bombardano giorno e notte sull’utilizzo di prodotti usa e getta e di quanto questi generano inquinamento incontrollato.

Pratichiamo uno sport e viviamo di una passione che solo per i luoghi che attraversiamo ci dovrebbe far ricordare dell’importanza di organizzare eventi con il più basso impatto ambientale.

Che si tratti di raccolta differenziata durante il Polenta Party e che si tratti di OBBLIGARE all’uso del bicchiere personale ai ristori.

Mi piacerebbe essere portavoce di questo messaggio ma il mio blog se fa 25 visite al giorno son tante, quindi cari futuri organizzatori di eventi imponente la vostra “legge” e nei materiali obbligatori includete il bicchiere personale, che si tratti di una gara internazionale, di una gara locale o della non competitiva della domenica mattina.

Solo ieri, considerando 300 partecipanti e i 5 ristori son stati consumati e gettati 1500 bicchieri, se sommiamo poi altri 300/400 bicchieri della birra ci vuole poco ad immaginare il volume dei sacchi della plastica che son stati generati.

podisti-due-castelli

“Rappresentanza Podisti Due Castelli”

Tagliandi all’interno del pacco gara.

Io sarò sempre un po’ sbadato nel pre-gara e poco attento su certi dettagli, per il 2020 il tagliando del Pasta Party lo potete fare leggermente più grande? Così eviterò di lasciarlo nella busta delle iscrizioni che nel frattempo sarà volata nel cestino della carta! Ovviamente vedrò di porre più attenzione pure io, sbagliando si impara!

Premiazioni e tempi di attesa!

Tutto molto bello, il podio, la grinta dello speaker, i premi ma credo che moltissime persone non abbiano volutamente assistito alle premiazioni per via dei lunghi tempi di attesa.

In ogni caso è stato un successo e bravi tutti i primi classificati nelle categorie premiate.

Edizione 2020, consiglio vivamente di partecipare!

Il Monte Misma è quella montagna che si può ben vedere dalla bassa pianura bergamasca e per me è un po’ il parco giochi dove andare a correre quando si ha poco tempo o quando l’inverno non permetter di girovagare sulle Orobie, chissà quanti lo vedono tutti i giorni e magari non conoscono le decine di chilometri di sentieri che lo percorrono.

Quale migliore occasione per scoprirlo se non partecipare alla seconda edizione? Vero che come per una rock star è sempre difficile replicare o far meglio del disco più venduto ma son certo che la macchina organizzatrice raccoglierà nuove esperienze, pareri e motivazioni per riproporre Monte Misma Xmas Trail 2020.

Tu hai partecipato alla prima edizione?

Se ti va di dar voce alla tua di esperienza ti invito a commentare con i tuoi pareri ed opinioni questa giornata all’insegna del divertimento!

Se non hai avuto modo di partecipare alla prima edizione ti consiglio di fare un salto sulla pagina Facebook dove potrai trovare bellissimi scatti fotografici!




  • /